domenica 19 aprile 2009

CACCIAMO VIA DALLA NOSTRA TERRA I GOVERNI DEI BANCHIERI, DEI CAPITALISTI E DEI CRIMINALI DI GUERRA

I governi del G8 sanno fare solo una cosa: rapinare i lavoratori e le loro famiglie per regalare il bottino ai banchieri e ai capitalisti parassiti e truffatori.

Berlusconi, che è solo un cafone ed un ignorante arricchito, ha voluto questa riunione in Sardegna per umiliare il popolo sardo. Come al solito ha sparato le solite balle: i lavori per il G8 rilanceranno l’economia del nord Sardegna. Invece, come lamentano gli stessi imprenditori sardi, per le aziende sarde non c’è altro che la catena dei subappalti, per i lavoratori edili sardi il solito sfruttamento: lavoro nero, assenza di sicurezza nei cantieri, salari che vengono pagati in ritardo col soliti sistema degli “acconti” ( “ti pago più tardi”, “abbi pazienza” dicono i “caporali” con i macchinoni comprati facendo debiti, ma senza pagare gli operai).

Invece chi mangia a quattro ganasce sono i grandi gruppi edili favoriti da Berlusconi, da Soru (altro pesecane) e da Prodi. Tutti e tre hanno voluto questa riunione, tutti e tre sono responsabili di questa pagliacciata fatta solo per regalare soldi ai grandi industriali del continente.

Questa catastrofe economica internazionale del capitalismo l’hanno provocata banchieri, capitalisti e i governi a loro servizio. Questa crisi facciamola pagare a loro. Ogni cittadino e ogni cittadina della Sardegna ha il dovere di presidiare tutte le strade, tutte le piazze, tutti gli alberghi per rendere impossibile questa riunione di parassiti e di bugiardi. Facciamogli sentire il nostro disprezzo ed il nostro odio. Questi politicanti che intascano miliardi dai banchieri e dagli industriali loro protettori sono solo degli ignoranti, superficiali, venditori di fumo, ma questa catastrofe economica sta aprendo gli occhi a molti.

Ogni cittadino ed ogni cittadina della Sardegna devono fare in modo che i potenti del mondo scappino via dalla Sardegna e rimanga impresso nella loro mente che il popolo sardo non si fa offendere impunemente.

Uniamo le lotte contro il G8 con le lotte dei lavoratori, a partire da quelli che stanno perdendo il posto di lavoro!
Facciamo pagare la crisi ai veri responsabili, i banchieri e i capitalisti! Cacciamo i loro governi!
Se ne vadano tutti, governino i lavoratori!


Gherra, gherra a s’egoismu
Gherra, gherra a s’oppressore

7 commenti:

Anonimo ha detto...

La prossima protesta per cosa la fate?? Che so... Perchè no contro i turisti "pescecani" che usurpano la nostra terra...

Con rispetto... Ma aggiornatevi.

Anonimo ha detto...

Chi combatte può perdere, ma chi non combatte a perso in partenza.
Forse la prossima protesta la faremo quando sarai stato costretto a dare le tue chiavi di casa al tuo unto presidente!
Se credi ancora di vivere in un'isola felice, aiutaci almeno a mantenere quei pochi diritti che ci restano, perché con l'indifferenza e con il qualunquismo non si fa altro che il lavoro che le grandi borghesie ti chiedono.
Youri venturelli

Anonimo ha detto...

Senti Youri per me potete fare le proteste che più vi soddisfano.

Però stai tranquillo che le chiavi di casa mia non le pretende proprio nessuno, tantomeno il mio presidente (sempre che tu sappia chi sia il mio).

Credo che il qualunquismo sia più il vostro che il mio. Combattere contro la concezione del libero mercato e invocare espropri forzati mi fa tremendamente tornare con la memoria agli anni più bui di Cina e URSS.

Sono consapevole della divergenza di vedute però, non credo che gli esempi storici proposti possano davvero fare scuola o proseliti tra i lavoratori stessi.

Tornando alla questione casa volevo farti presente che io, gallurese per essere precisi, sono consapevole di possederla perchè, quella borghesia che ormai è tanto di moda criticare, ha fatto risorgere questa zona della Sardegna facendone uno dei motori economici trainanti per l'isola.

Senza quei "pescecani" probabilmente sarei emigrato e allora si che quelle chiavi non avrei potuto davvero darle a nessuno...

Saluti

Youri Venturelli ha detto...

Quanta fatica si fa ogni giorno per rimanere persone oneste!
Quanta fatica ogni giorno ripetere d’accapo tutti i buoni propositi portati a termine la sera prima,
credendo magari che un’altra persona si sia unita a te portando avanti questo appello e ideale fantastico. Macché, ogni mattina si ricomincia d’accapo.
E difficile non tanto riconquistare la fiducia della gente, quanto quel minimo di partecipazione, buttarsi nelle proprie idee senza paura degli altrui pensieri e dire ciò che il cuore detta, perché è lì che la sinistra alberga. Tutto ciò, non toglie nulla nella vita quotidiana, ne tempo ne denaro. Ma tutt’al più; quel minimo sforzo mentale che riesce a farti capire da che parte stare.
Basterebbe soltanto chiudere gli occhi ed immaginare la propria vita senza nessuno che possa aiutarci, dai nonni che ti guardano i figli e premurosi vanno anche ad accompagnarli e riprenderli a scuola, che ti danno una mano sganciando magari qualche euro. Che cercano in tutti i modi di non farti sentire il peso di questa vita che a volte ti fa venire il torci-budella. Loro hanno sofferto molto più di noi ed hanno fatto tante battaglie con le proprie mani, con il loro sudore e con il sangue; per ottenere ciò che ora questi dannati capitalisti ingordi ed alti borghesi parassiti ci fanno vedere come fossero dei privilegi. Ci stanno rimangiando tutto, “ SVEGLIATEVI” . Non è possibile che al peggio non ci sia mai fine.
Da soli non ce la facciamo a creare una società migliore ed una vita più giusta. Alziamo la testa e restiamo lucidi e vigili ogni giorno della settimana, vi supplico, non coricatevi sui falsi allori della televisione che agisce ormai soltanto come svuota cervelli.
Basta con i sacrifici. Fanculo l’individualismo. Parliamo di più, incontriamoci più di sovente e scambiamoci opinioni. Cosi si comincia ad aprire la strada ad un mondo migliore.

Youri Venturelli.

Anonimo ha detto...

MA I COMUNISTI ANCORA HANNO FACOLTA' DI PAROLA DOPO L'ENNESIMA BATOSTA ELETTORALE? MA AVETE UN PO' DI ORGOGLIO? ALLORA SE CE L'AVETE ... IMPICCATEVI TUTTI

Anonimo ha detto...

Purtroppo quando l'ignoranza dilaga, il deficente di turno non manca ma!

Gabriele meglio noto come gabriello ha detto...

dal vostro sito nazionale:

I chavo-sionisti britannici attaccano la gioventù greca
L'opportunismo della corrente internazionale di Falcemartello

(21 Dicembre 2008)
La corrente internazionale di Alan Woods-che è presente anche nel Psuv venezuelano,nel Prd messicano,passando per il Pt brasiliano (e in Italia nel Prc tramite la sua sezione Falcemartello, n.d.t.) con la scusa di "intervenire nelle organizzazioni di massa del movimento operaio"-ha pubblicato una nota sulla rivolota popolare graca, nella quale dimostra non solo di andare dietro tutte le varianti piccolo-borghesi,o direttamente borghesi,ma che addirittura si aggiunge al governo reazionario greco.

Accusa la gioventù in rivolta di utilizzare "metodi criminali...sottoproletari...da hooligans".

Questo gruppuscolo "internazionale" è solito vantarsi di "intervenire dove sono le masse".Questa volta,viola il suo proprio principio.Cioè,si comporta come i settari che tanto detesta.Lo fa per mantenere l'essenza della sua politica:la più ferrea opposizione a qualunque manifestazione,reale o potenziale,di indipendenza dei lavoratori o della gioventù rispetto agli apparati conservatori o reazionari.Questi chavo-sionisti (sostenitori di Chavez e del Sionismo del Partito laburtista Israeliano,n.d.t.) non hanno dubbi nell'allinearsi con un governo reazionario tritato dalla rivolta

tratto da Prensa Obrera
Ezequiel D

ecco... con questo settarismo isterico chi pretendete di convincere? compagni, cambiate metodi... sennò altro che polo attrativo della sinistra diventate.

Gabriele Ara
Prc Sassari